Visual Merchandising

Questo corso di Visual Merchanising servirà ai partecipanti per comprendere le logiche sottostanti i comportamenti d'acquisto dei clienti per dirigere il loro bisogno d'acquisto verso i prodotti.

Visual Merchanising è un corso che servirà ai partecipanti per comprendere le logiche sottostanti i comportamenti d’acquisto dei clienti per dirigere il loro bisogno d’acquisto verso i prodotti.

 

Obiettivi

  • Comprendere le logiche profonde che spingono i propri clienti/consumatori a trasformare un bisogno, espresso o latente, in un desiderio d’acquisto e dirottarle a vantaggio degli obiettivi di vendita
  • Sviluppare le tecniche di organizzazione, allestimento ed animazione indispensabili in un punto vendita per amplificare la shopping experience del cliente fino a tramutarla in impulso emotivo verso il prodotto e il suo riacquisto
  • Maturare una visione di ampio respiro sulle tendenze in atto, gli stili di acquisto e le caratteristiche dei punti vendita del futuro

 

A chi è rivolto

Visual merchandiser indipendenti o aziendali, trade marketing manager, store manager, consulenti, gerenti di negozio.

 

Argomenti trattati

Il visual merchandising

In primo luogo scopriremo cos’è esattamente il visual merchandising e a cosa serve e come s’inserisce nel sistema di marketing aziendale. Parleremo dei suoi obiettivi e degli ambiti di azione, dei compiti e delle competenze del visual merchandiser.

L’offerta merceologica e i modelli di consumo

Per sfruttare al massimo il proprio punto vendita è necessario capire un po’ meglio il consumatore: quali sono le sue motivazioni all’acquisto e il suo comportamento d’acquisto. Avere queste informazioni ci consente di fare dei ragionamenti mirati su come strutturare l’offerta (caratteristiche dell’assortimento, posizionamento dell’insegna, estensione e profondità di gamma) e di concepire meglio il  layout del punto di vendita (disposizione dei reparti, zone, gestione dei flussi, illuminazione, corner, vetrina, musica, comunicazione sensoriale).

Le tecniche espositive e l’animazione del punto vendita

Parleremo del display, del facing, del lineare e dello scaffale; inoltre analizzeremo il punto focale e le adiacenze ed entreremo nel dettaglio delle cinque tecniche di esposizione a scaffale e a vetrina. Altro aspetto importante che andremo a toccare saranno gli eventi in-store, la promozione, e come integrare i programmi di visual con la vendita del personale.

 

Il Programma del Corso “Visual Merchandising”

Introduzione al visual merchandising

  • Cos’é esattamente e perché serve (distinzione tra merchandising e visual merchandising)
  • Il visual merchandising all’interno dell’organizzazione aziendale
  • Compiti e competenza del visual merchandiser
  • Obiettivi e ambiti di azione del visual merchandising
  • Come misurare i risultati del visual merchandising

L’offerta merceologica e i modelli di consumo

  • Motivazioni, comportamenti e processi di acquisto del consumatore
  • Brand & shopping experience
  • Le evoluzioni del visual merchandising: dal trade, al category management

Strutturare l’offerta

  • Definire caratteristiche dell’assortimento
  • Definire il posizionamento dei brand
  • Due concetti fondamentali: estensione e profondità di gamma
  • Il progetto di merchandising in relazione alle dimensioni e alle caratteristiche strutturali del punto vendita

Il layout del punto vendita

  • Dalla classificazione delle merci alla disposizione dei reparti
  • Dalla logica merceologica al category management
  • Zone bianche, zone grigie e zone nere
  • La gestione dei flussi pedonali all’interno del punto vendita
  • La vetrina
  • Il front line e la cassa
  • L’illuminazione del punto vendita e l’ambiente
  • I corner e gli spazi di attrazione
  • La scelta della musica
  • La comunicazione sensoriale: profumi, odori, suoni

Le tecniche espositive

  • Il display, il facing, il lineare, lo scaffale
  • Cinque tecniche di esposizione a scaffale
  • Il punto focale e le adiacenze
  • L’effetto muro
  • Cinque tecniche di esposizione in vetrina
  • La luce nell’esposizione dei prodotti
  • Il colore

L’animazione del punto vendita

  • Gli eventi in-store
  • La promozione in-store
  • Vendita visiva e vendita personale
  • Come integrare i programmi di visual con la vendita a cura del personale

Il visual book del punto vendita

  • Differenti sistemi di elaborazione del manuale operativo
  • Dal visual book al modello di stile del punto vendita
  • Le nuove tecnologie a supporto dei visual book

Punti vendita del futuro

  • I futuri trend di consumo
  • Le nuove tecnologie a supporto del visual merchandising
  • L’evoluzione del punto vendita e il virtual shopping
  • L’olografia, la scenografia on-movie, i corner digitali, l’assistente virtuale

Edizioni Corso ID 1211

SEDE DAL AL
Milano 18/02/2016 19/02/2016
Milano 26/04/2016 27/04/2016
Milano 17/11/2016 18/11/2016
Milano 19/01/2017 20/01/2017
Milano 05/06/2017 06/06/2017
Milano 23/11/2017 24/11/2017


Contattaci se hai bisogno di Informazioni

Il tuo nome (richiesto)

Il tuo cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

ID del Corso (richiesto)

Azienda

Il Tuo Numero Telefonico (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 30/06/2003 n°196

Iscrivimi alla newsletter

 

Informazioni sul Corso
  • Id del Corso:1211
  • Costo:€ 1315 (+IVA)
  • Documentazione:Pdf Corso
  • Giorni:2
  • Timings:dalle 9.30 alle 17.30

Corsi Correlati

Il visual merchandising

In primo luogo scopriremo cos’è esattamente il visual merchandising e a cosa serve e come s’inserisce nel sistema di marketing aziendale. Parleremo dei suoi obiettivi e degli ambiti di azione, dei compiti e delle competenze del visual merchandiser.

L’offerta merceologica e i modelli di consumo

Per sfruttare al massimo il proprio punto vendita è necessario capire un po’ meglio il consumatore: quali sono le sue motivazioni all’acquisto e il suo comportamento d’acquisto. Avere queste informazioni ci consente di fare dei ragionamenti mirati su come strutturare l’offerta (caratteristiche dell’assortimento, posizionamento dell’insegna, estensione e profondità di gamma) e di concepire meglio il  layout del punto di vendita (disposizione dei reparti, zone, gestione dei flussi, illuminazione, corner, vetrina, musica, comunicazione sensoriale).

Le tecniche espositive e l’animazione del punto vendita

Parleremo del display, del facing, del lineare e dello scaffale; inoltre analizzeremo il punto focale e le adiacenze ed entreremo nel dettaglio delle cinque tecniche di esposizione a scaffale e a vetrina. Altro aspetto importante che andremo a toccare saranno gli eventi in-store, la promozione, e come integrare i programmi di visual con la vendita del personale.

Informazioni sul Corso